Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Apr 11, 2013 in concorso | 0 comments

PORTULA – classe V

Scuola Primaria di Portula CLASSE V

 

LA BAMBINA E LA PICCOLA STELLA

 

E’ notte e una bambina è alla finestra della sua stanza.

I vetri riflettono il suo volto triste.

Le lacrime rimangono sospese sulle ciglia mentre i suoi occhi percorrono il buio della notte.

Nel silenzio la bambina guarda il cielo stellato dirigendo il suo sguardo là dove gli hanno detto che si trova la costellazione del Cancro, forse la meno brillante tra i tanti gruppi di stelle in cielo.

E’ lassù che si trova sua madre.

Perché l’ha lasciata sola per volare in cielo?

Perchè ha voluto andarsene in silenzio senza salutarla?

Lei non lo sa, ma ha la certezza che sua madre sia lassù

L’ha colto da mezze parole sussurrate dai parenti che dicevano che è stata proprio quella costellazione a portarla via, ma nessuno ha voluto dirle niente di più.

Sarà per colpa delle lacrime ma, ad un tratto, le pare che la luce di una piccola stella del cielo si metta a tremare.

La bambina guarda meglio e le sembra di cogliere un movimento, certo, ora la stella si avvicina verso di lei.

Sì! Non è un miraggio, la stella sta davvero venendole incontro.

La sua luce si fa più forte e diventa sempre più grande.

La bambina dimentica le lacrime e ora le sembra di poter toccare la luce, così tende la mano e istantaneamente una sensazione di calore penetra nel suo corpo e lentamente lo attraversa fino a scaldarle il cuore.

La tristezza, come d’incanto, svanisce, la bambina non è più sola, in lei c’è quella stella che non la abbandonerà mai.

Grande è la sua felicità quando il giorno dopo si accorge di poter condividere il dono che ha ricevuto con tutti gli altri bambini della sua classe e poi con tutti quelli della scuola.

Le basta tendere la mano verso di loro e il calore raggiunge i loro corpi mentre nel cuore della bimba non diminuisce.

Ben presto tutti i bambini del mondo arrivano a godere del prodigio della piccola stella e a sconfiggere il freddo della solitudine e della tristezza.

In fondo per non essere soli basta tendere una mano. 

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. ELENCO ELABORATI | Lilt Biella - [...] PORTULA – classe V [...]
  2. Primo Premio Letterario "La Stella della Vita" - classifica 2013 | Lilt Biella - [...] PORTULA – classe V  [...]

Post a Reply