Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Esami radiologici

Quali sono gli esami radiologici che si fanno per diagnosticare un tumore?

Quelli che comunemente chiamiamo esami radiologici, sono in realtà una somma di esami ove sovente Esaminon vengono utilizzate radiazioni, pertanto è bene chiamarli d’ora in poi esami di diagnostica per immagini.
Con il termine di diagnostica per immagini si intendono tutte quelle procedure che ci forniscono le immagini dell’interno del nostro corpo e che aiutano il medico a vedere se è presente un tumore. Le immagini possono essere ottenute con diverse metodiche:

Raggi X: i raggi X sono il modo più comune per visualizzare gli organi e le ossa all’interno del corpo.

La TAC o meglio la TC è una macchina collegata ad un computer che esegue una serie di immagini sequenziali di parti del corpo, le singole immagini vengono poi ricostruite ed onde ottenere una visione completa e dettagliata degli organi esaminati. A volte è necessario introdurre nel corpo di un liquido di contrasto che aiuta a visualizzare meglio gli organi che si intende studiare.

Scintigrafia ossea – PET: Scansione ottenute mediante l’introduzione di radionuclidi. I radionuclidi vengono iniettati nel corpo del paziente e si localizzano in alcune ossa o organi. Una macchina chiamata scanner rileva e misura la radioattività. Lo scanner riproduce le immagini di ossa o organi sullo schermo di un computer o su pellicola. Successivamente il corpo si libererà rapidamente della sostanza radioattiva.

Uso di ultrasuoni (ecografie): Un dispositivo a ultrasuoni invia onde sonore all’interno del corpo. Le onde “rimbalzano” dai tessuti all’esterno del corpo come un eco. Un computer rielabora i suoni ed ottiene delle immagini.

RMN (Risonanza Magnetica): un potente magnete collegato a un computer viene utilizzato per fotografare l’interno del corpo. Il medico visualizza le immagini su di un monitor e le stampa su di una pellicola.

PET (Tomografia ad emissione di positroni): Viene iniettato un liquido contenete una piccola quantità di materiale radioattivo. Un computer restituisce le immagini del corpo mettendo in evidenza anche l’attività metabolica del tumore.