Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Equipe medica e volontari dell’Hospice

 

Equipe Hospice L'Orsa MaggioreMedici, infermieri e OSS, psicologi, assistenti spirituali, volontari e non solo: scopri l’equipe dell’Hospice l’Orsa Maggiore

 

Medici, infermieri e OSS, psicologi, assistenti spirituali e volontari uniscono un’adeguata preparazione ad una sensibile e forte motivazione per offrire un’assistenza globale alle esigenze di chi è ospitato nella struttura.

L’equipe medica dell’Hospice “L’Orsa Maggiore”

Presso l’Hospice L’Orsa Maggiore sono operativi:

1 medico responsabile
2 medici aiuto

1 psicologa-psicoterapeuta
1 coordinatore infermieristico
6 infermieri a tempo pieno e 3 liberi professionisti

3 OSS a tempo pieno
1 fisioterapista
1 assistente spirituale
1 impiegata amministrativa
25 volontari

Le figure professionali coinvolte nell’assistenza al paziente si riuniscono una volta alla settimana per aggiornare il Piano di Assistenza Individuale, per discutere eventuali problematiche insorte, per verificare gli obiettivi da raggiungere e quelli a medio e lungo termine.

Quotidianamente l’equipe in turno procede all’individuazione dei bisogni del paziente.
Due giorni alla settimana e su richiesta, in base alle necessità, è presente all’interno della struttura l’assistente spirituale dell’Hospice per dare ascolto e supporto al malato e alla famiglia.

La Direzione Scientifica dell’Hospice “L’Orsa Maggiore” è affidata al Dott. Carlo Peruselli.

Il volontariato in Hospice

Il volontario presente in Hospice è una figura davvero preziosa all’interno della struttura, grazie al suo saper stare accanto agli ospiti, ai familiari e all’operare in sinergia con l’equipe.

equipe dell'Hospice L'Orsa Maggiore

Fare volontariato presso l’Hospice “L’Orsa Maggiore” rappresenta un’opportunità speciale per aiutare chi ha bisogno e contribuire a donare serenità e sorrisi al paziente e ai familiari.

 

Per diventare volontari è necessario superare diverse fasi:

  • Reclutamento
  • Selezione ex ante ed in itinere
  • 13 incontri di formazione duranti i quali vengono trattate tematiche relative a: cure palliative, comunicazione verbale e non verbale, comunicazione con il malato terminale e con la famiglia, perdita e lutto, etica ecc.

I requisiti per diventare volontari Hospice sono:

  • maggiore età
  • disponibilità di mezza giornata a settimana da
    dedicare all’interno della struttura
  • non aver subito un lutto recente
  • non essere malato di tumore
  • non svolgere professioni di aiuto (medico, infermiere, psicologo, OSS, educatore, assistente sociale ecc).

 

Vai al form per diventare volontario in Hospice e ricevere maggiori informazioni!

 

Testimonianze dei volontari dell’Hospice

“Fare la volontaria in Hospice è difficile e meraviglioso allo stesso tempo perché ogni persona ci dà qualcosa di profondo.
In 11 anni di volontariato non ho mai sentito stanchezza perché è sempre diverso e perché con gli anni e con l’esperienza si riesce a stare vicini a queste persone con una competenza maggiore. All’inizio non è facile, ti viene da fuggire, non sai cosa dire, poi si impara, si impara come gestire queste cose e anche le proprie emozioni che a volte sono tanto forti.

A noi i malati non chiedono una risposta tecnica, ma ci chiedono di ascoltarli, di guardare insieme le loro vite. Noi abbiamo la possibilità di vedere che qui le persone sono vive, si sentono vive e vivono ogni istante, no alla ne.

Fare il volontario in Hospice è un’esperienza che ti cambia dentro e ti fa diventare una persona diversa: noi stessi viviamo pensando alla nostra precarietà e cambiamo la nostra scala di valori: c’è meno interesse per la materialità e tanto di più per il sentimento, per le persone… insomma, la sostanza!”

Maurizio Zanellato, volontario storico dell’Hospice l’Orsa Maggiore e ciclista di lunghe distanze, ci racconta la sua passione per la bici e come ha scelto di finalizzare i suoi viaggi a una causa speciale: sostenere l’Hospice.

“Ho iniziato a sostenere l’Hospice nel lontano 1999, quando ancora si gettavano le basi per far partire la struttura. Riconosco l’operato eccellente che offre alla popolazione, fatto di umanità, sensibilità e qualità dei servizi.

Ho scelto di unire la mia passione per la bici alla solidarietà per l’Hospice che sento forte dentro di me e desidero dare il mio contributo a sostegno di questa importantissima struttura sanitaria

– video a cura di Nicolò Caneparo –