Big Lines of Credit Short Term Loads Equipment Financing Merchant Cash Advancesbusiness loans best business loans Working Capital SBA Loans Small Business Loans Long Term Loans
Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Apr 26, 2017 in Articoli di interesse, News | 0 comments

Italia: ecco dove vivere a lungo e in salute

Italia: ecco dove vivere a lungo e in salute

I dati parlano chiaro: lo stivale dal tacco alto circondato da cinque mari è il posto dove si vive più a lungo e in salute al mondo.

Leggi l’articolo del Dr. Franco Girelli, tratto da Bloomerg, agenzia statunitense con sede a New York, che dopo aver analizzato l’aspettativa di vita in ben 163 paesi afferma che l’Italia è il posto dove si vive più in salute. Scopri di più>>

Se non l’hai ancora fatto, iscriviti alla nostra newsletter elettronica per scoprire in anticipo tutti i nostri eventi ed essere sempre informato:

[myd_mod_news campi=”nome,cognome” obbligatori=”nome,cognome” form_id=”9″]

Dr. Franco Girelli,  Oncologo e Radioterapista di LILT Biella

Dr. Franco Girelli,

Oncologo e Radioterapista di LILT Biella

Se hai intenzione di vivere a lungo, l’Italia è il posto dove andare.

Suona più o meno così il titolo dell’articolo apparso sul sito dell’agenzia Bloomberg il 20 marzo. L’agenzia Bloomberg si occupa di informazione con sede a New York, il fondatore è Michael Bloomber, sindaco di New York dal 2002 al 2013.

Lo stivale dal tacco alto circondato da cinque mari, è il posto più in salute del mondo, così recita testualmente l’articolista del Bloomber Global Index. L’articolo è ricavato da un indice che analizza l’aspettativa di vita in ben 163 stati.

Un bambino nato in Italia, meglio ancora se una bambina, ha delle ottime chance di diventare ottuagenario. Se pensate che 4500 Km più a sud in Sierra Leone l’aspettativa di vita si ferma a 52 anni, 49 in Ciad.

Malgrado la “non brillante” situazione economica e la cronica disoccupazione giovanile, gli italiani godono di ottima salute, stanno meglio  e vivono più a lungo di statunitensi, canadesi, e britannici. Soffrono meno di ipertensione, ipercolesterolemia e malattie mentali.

I fattori che ci portano ai vertici della classifica sulla sopravvivenza sono essenzialmente due: il buon funzionamento del servizio Sanitario e il sano regime alimentare che utilizzano gli italiani. Una dieta ricca di fibre, vegetali, olio di oliva extra vergine e carni magre.

La classifica è stata stilata tenendo conto di vai fattori che possono influenzare l’aspettativa di vita come la pressione alta, l’abitudine al fumo, la malnutrizione e la disponibilità di acqua potabile. Islanda, Australia, Svizzera e Singapore sono le altri nazioni ai vertici della classifica.

Lo sviluppo che caratterizza la nostra era però, non presenta solo lati positivi bensì l’ipertensione, l’eccesso di colesterolo e soprattutto l’obesità dovuta alla cattiva alimentazione. In quest’ultimo parametro primeggiano gli Stati Uniti, in particolare  Louisiana, Mississippi, Alabama e West Virginia, dove il 35% dei loro abitanti sono considerati obesi. Un dettaglio, la donna più longeva del mondo è piemontese, vive  a Verbania ed ha recentemente compiuto 117 anni.

 

 

Aiutaci a diffondere il valore della prevenzione,
basta un click:

DILLO-A-UN-AMICO-251X78

 

Post a Reply

Paste your AdWords Remarketing code here