Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Mar 24, 2016 in Articoli di interesse, News | 0 comments

Ricostruzione mammaria post mastectomia radicale

Ricostruzione mammaria post mastectomia radicale

Ricostruziona mammaria post mastectomia: una scelta che spetta alla paziente e che viene eseguita dal chirurgo plastico

La ricostruzione mammaria è un tipo di chirurgia indicata nelle donne che, dopo la diagnosi di tumore, vengono sottoposte ad asportazione della mammella: il chirurgo può ricostruirla tenendo conto della posizione e della dimensione di quella controlaterale. Scopri di più con l’articolo del Dott. Girelli, Oncologo e Radioterapista di LILT Biella: continua a leggere>>

 

Se non l’hai ancora fatto, iscriviti alla nostra newsletter elettronica per scoprire in anticipo tutti i nostri eventi ed essere sempre informato:

[myd_mod_news campi=”nome,cognome” obbligatori=”nome,cognome” form_id=”9″]

ricostruzione mammaria post mastectomiaLa ricostruzione mammaria è un tipo di chirurgia indicata nelle donne che, dopo la diagnosi di tumore, vengono sottoposte ad asportazione della mammella (mastectomia). Il chirurgo ricostruisce la mammella tenendo conto della posizione e delle dimensioni della mammella controlaterale. Il capezzolo e l’areola mammaria possono essere aggiunti successivamente.

Le donne sottoposte ad asportazione parziale della mammella per mezzo di un intervento detto quadrantectomia (rimozione del quadrante in cui era presente il tumore) oppure nodulectomia (rimozione del solo nodulo mammario) di solito non necessitano di ricostruzione in quanto gran parte della mammella viene conservata.

Negli ultimi anni gli interventi chirurgici conservativi della mammella sono migliorati sia dal punto di vista estetico che funzionale: talvolta riesce difficile distinguere la mammella operata da quella controlaterale non operata. Fondamentale è l’abilità del chirurgo, ma anche la posizione del tumore gioca un ruolo non trascurabile nel buon esito estetico dell’intervento. La scelta di sottoporsi ad una ricostruzione mammaria spetta alla paziente e viene eseguita da un chirurgo plastico.

 

Le ragioni per richiedere una ricostruzione mammaria sono differenti:

  • seno piccolaRibilanciare il peso della mammella non operata
  • Riacquistare definitivamente la forma naturale del seno
  • Non accettare una protesi esterna
  • Essere in armonia con il proprio corpo

 

E’ dimostrato che la ricostruzione mammaria nella paziente sottoposta a mastectomia radicale migliora la propria immagine. Talvolta l’intervento non copre le aspettative che la donna si era posta;  è pertanto indispensabile parlarne a fondo con il chirurgo plastico prima di sottoporsi a questo tipo di intervento. La ricostruzione mammaria non sempre si conclude in un unico atto operatorio, perchè talvolta richiede più interventi.

protesi senoGli impianti al silicone sono i più utilizzati. La maggior parte degli studi hanno dimostrato che questi impianti non aumentano il rischio di creare problemi al sistema immunitario. La FDA (Food and Drug Administration) l’ente americano che si occupa di validare i farmaci e gli impianti protesici ha approvato gli impianti al silicone a partire dal 2006.

In genere l’intervento si svolge in due tempi: prima si posiziona sotto la cute, a diretto contatto con la parete toracica un espansore che progressivamente “distende” la cute permettendo in un secondo tempo di posizionare la protesi. L’espansore  può essere irradiato se la paziente deve essere sottoposta ad un trattamento radioterapico senza creare particolari problemi.

 

Ricostruzione del Capezzolo

ricostruzione del capezzoloLa ricostruzione dell’areola o del capezzolo richiede un successivo intervento chirurgico. Solitamente viene eseguita circa tre o quattro mesi dopo il primo intervento. Il tessuto viene in genere prelevato dal corpo stesso della paziente. Il colore imbrunito del capezzolo si ottiene mediante un tatuaggio. Per molte pazienti è sufficiente tatuare un nuovo capezzolo sulla cute che riveste la protesi per riacquistare più fiducia nel proprio corpo e superare con più facilità il trauma.

 

girelli 100 - 95Dott. Franco Giuseppe Girelli,

Oncologo e Radioterapista

di LILT Biella

 

Dillo a un amico!

Aiutaci a diffondere il valore della prevenzione,
basta un click:

DILLO-A-UN-AMICO-251X78

 

Post a Reply