Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on Ott 1, 2012 in Articoli di interesse, News | 0 comments

Tumore al seno dati aggiornati

Tumore al seno dati aggiornati

Si stima che nel nostro Paese ogni anno  vengano diagnosticati circa 47.000 nuovi casi di tumore alla mammella.

I dati provenienti dalle Banche dati AIRTUM (Associazione Italiana Registri dei Tumori) indicano che nelle donne questa forma tumorale è al primo posto, rappresentando il 29% di tutte le nuove diagnosi tumorali.

Non si tratta solo del tumore più frequente, ma anche di quello più frequente per tutte le classi d’età: tra le donne di età inferiore ai 49 anni, rappresenta il 36% di tutti i tumori diagnosticati, tra i 45 e i 64 anni la percentuale cresce al 39,8%, mentre diminuisce sopra i 65 anni passando al 22,3%.

L’esame dei tassi di incidenza per età dimostra come il tumore alla mammella sia piuttosto raro nelle prime due decadi di vita, mentre già nella terza decade si riscontra in diecine di casi annui ogni 100.000 donne, nelle 40enni si riscontra in 100-200 casi su 100.000, mentre nelle 50enni si presenta in 200-250 casi su 100.000. Il vero e proprio picco si ha nelle 60enni con un’incidenza di 300 casi, mantenendosi piuttosto stabile, quindi con flessioni minime, anche negli anni successivi.

La probabilità teorica di sviluppare un tumore alla mammella nel corso della vita (0-84 anni) è di una donna su otto.

Per quanto concerne l’incidenza del tumore alla mammella in base all’area geografica, esistono maggiori casi nel il centro-nord rispetto al sud Italia; la differenza è attribuibile alla riduzione dei cosiddetti fattori di rischio determinati principalmente, ma non solo, dagli stili di vita.

Per quanto riguarda l’andamento temporale, si è notata una sostanziale modifica nel corso degli anni, attribuibile in parte all’introduzione dei programmi di screening, in parte ai cambiamenti nella vita riproduttiva delle donne italiane, in parte alla diffusione di efficaci protocolli terapeutici applicati in caso di diagnosi.

La sopravvivenza si colloca intorno al 90% a 5 anni dalla diagnosi, con un miglioramento in ogni fascia di età rispetto al passato, grazie a, come si è detto, screening e terapie efficaci. L’anticipazione della diagnosi e una maggiore applicazione dei più efficaci protocolli terapeutici sia chirurgici, sia medici (con chemioterapici, terapie ormonali e farmaci a bersaglio molecolare), hanno contribuito in maniera cumulativa al miglioramento della sopravvivenza per questo tumore.

OTTOBRE E’ IL MESE DELLA PREVENZIONE DEL TUMORE AL SENO. CLICCA QUI PER SAPERNE DI PIU’ SULL’INIIZIATIVA “NASTRO ROSA” 2012.

 

 

0 Comments

Trackbacks/Pingbacks

  1. CAMPAGNA NASTRO ROSA 2012 | Lilt Biella - [...] Tumore al seno dati aggiornati [...]
  2. Una provincia (quasi) tutta in rosa | Lilt Biella - [...] Il tumore al seno resta il big killer numero uno per il genere femminile. [...]

Post a Reply