LILT Biella alla Rete tematica europea SHAFE

/, In evidenza/LILT Biella alla Rete tematica europea SHAFE
  • rete tematica shafe intervista ylenia sacco

Partecipazione di LILT Biella alla Rete tematica europea SHAFE “Smart Healthy Age-Friendly Environments”

La Rete tematica europea SHAFE “Smart Healthy Age-Friendly Environments” lanciata a inizio 2018 raccoglie più di 60 organizzazioni europee (clicca qui) che hanno sviluppato ambienti e soluzioni intelligenti per favorire un invecchiamento sano e attivo della popolazione.

Rete tematica SHAFE: lo scopo del progetto

Il progetto ha lo scopo di raccogliere buone pratiche e creare linee guida di supporto e di indirizzo a livello europeo focalizzate su due principali aspetti intesi come “Age-friendly Environments”: i luoghi e le persone. Per questo la rete europea mira ad identificare e valorizzare soluzioni innovative di eHealth e mHealth, con particolare attenzione al rapporto qualità/costi. I vari gruppi e le organizzazioni che partecipano alla rete hanno sviluppato differenti ambienti di vita e di cura definiti “intelligenti” perchè spesso dotati di comunicazioni e soluzioni tecniche avanzate rivolte a pazienti che soffrono di malattie croniche, ma più in generale alla popolazione anziana.

Gli obiettivi della rete tematica SHAFE

Gli obiettivi della rete sono:

  • Produrre entro fine 2018 un Joint Statement per l’Unione Europea che sintetizzi una posizione comune e condivisa su “Smart Healthy Age-Friendly Environments“ con un focus particolare sull’acceso ai fondi e sulle raccomandazioni oltre il 2020 (cioè dopo la chiusura dell’attuale ciclo di programmazione europea)
  • Creare un forum per lo scambio di buone pratiche europee allo scopo di informare la Commissione Europea sulle soluzioni e gli ambienti intelligenti già esistenti identificando barriere e potenzialità di sviluppo
  • Promuovere principi e azioni comuni basate su interventi e soluzioni centrate su specifichi target di popolazione (anziani, pazienti con patologie croniche, caregivers) con particolare attenzione alla protezione dei dati, interoperabilità, qualità degli standard.

Nella prima parte dell’anno il gruppo di ricerca SHAFE ha organizzato surveys su 11 specifici temi e interviste personali ai rappresentanti delle organizzazioni coinvolte per raccogliere i dati e le informazioni necessarie all’elaborazione del Joint Statement di fine anno (novembre 2018).

LILT Biella: partner della rete SHAFE

LILT Biella è partner della rete SHAFE attraverso la partecipazione della dott.ssa Ylenia Sacco responsabile delle attività di innovazione e ricerca della sezione provinciale e membro dal 2012 della EIP on AHA “European Innovation Partneship on Active and Healthy Ageing (Action Group B3 “Integrated Care”)

Dopo la predisposizione della survey di maggio scorso, è stata organizzata a luglio 2018 un’intervista nella quale la dottoressa ha presentato Spazio LILT come esempio di “Smart and Healthy Environment” struttura di riferimento non solo per la prevenzione e la riabilitazione in ambito oncologico di pazienti e long-survivors, ma anche come luogo di formazione e supporto sui temi della salute e della prevenzione oncologica per caregivers e popolazione nel suo insieme.

LILT Biella nel contesto della rete tematica Europea SHAFE: intervista alla dottoressa Ylenia Sacco

Ecco alcuni stralci dei contenuti dell’intervista organizzata in 4 quesiti-chiave.

Presentazione di un esempio di AFE “Age-friendly environments”

Spazio LILT inaugurato nel 2016 è un centro multifunzionale oncologico interamente costruito in materiali eco-sostenibili e dotato di apparecchiature avanzate per la diagnosi precoce e la riabilitazione oncologica. E’ organizzato per essere accessibile, inclusivo e per promuovere stili di vita salutari con il duplice obiettivo di prevenire l’insorgenza dei tumori (prevenzione primaria e secondaria), ma al contempo per supportare il malato o il lungo sopravvivente dopo l’insorgenza della malattia attraverso servizi di riabilitazione. Il centro è un ambiente adatto ad accogliere il paziente e la sua famiglia non solo attraverso i suoi ambulatori 10 già attivi: dermatologico, urologico, senologico, ginecologico, dietologico, colon-proctologico, ORL, psico-oncologico, fisiatrico, obesità in età evolutiva, ma anche attraverso servizi innovativi quali:

  • Esercizio Fisico Adattato (EFA) che permette ai pazienti di praticare attività sportiva anche in corso di malattia (purchè in fase di stabilità clinica) e di monitorarli anche da remoto attraverso dispositivi elettronici indossabili (wearable devices). Il paziente può così proseguire il percorso di training a casa con controlli periodici presso Spazio LILT.
  • Riabilitazione del pavimento pelvico e trattamenti individualizzati rivolti ai lungosopravviventi (long survivors) ed aperti anche a soggetti con patologie croniche

Uno “Smart and healthy Envirnoment” è un ambiente che supporta e accompagna il paziente, ma anche la famiglia/caregiver nel percorso di cura, gestione e auspicabilmente superamento della malattia. Il servizio di prevenzione primaria e secondaria (diagnosi precoce) aiuta anche la popolazione sana a conoscere stili di vita corretti (alimentazione sana, movimento, lotta al fumo, sportello informativo oncologico).” Relativamente al quesito sulle azioni strategiche europee per facilitare la creazione e il sostegno di “Smart Environment”, nella rosa delle principali azioni portate avanti dall’UE, la dottoressa ha identificato quali prioritarie le seguenti 3:

  1. Health promotion activities: attività di promozione della salute

Nelle malattie oncologiche (una delle principali e più impattanti malattie croniche della società occidentale) fare attività di promozione della salute significa introdurre a livello di prevenzione primaria stili di vita salutari e sani in modo da prevenire il tumore e ridurre il rischio di recidive. Promuovere stili di vita salutari vuol dire far conoscere le caratteristiche comportamentali e scientifiche legate ad esempio ad una alimentazione sana, alla lotta alla sedentarietà, al fumo e all’alcool. Facilitare la creazione di ambienti “intelligenti” adatti a promuovere la salute può significare anche a livello europeo aumentare la qualità della vita delle persone e ridurre il carico sociale ed economico collegato all’insorgenza di una patologia grave come il tumore.

  1. Coordinating and facilitating the exchange of best practices between EU countries and health experts: coordinare e facilitare lo scambio di buone pratiche tra i paesi UE e gli esperti

La lega italiana tumori opera su tutto il territorio italiano con 106 sezioni che hanno come obiettivo strategico la promozione della salute come attività di prevenzione (primaria, secondaria e terziaria) del cancro.  La condivisione della nostre buone pratiche con altre iniziative europee tramite la TN Shafe ed altre reti può incrementare in modo significativo il livello e la qualità dei servizi già presenti nei territori europei riducendo in prospettiva la necessità di ricorrere ad investimenti aggiuntivi per la gestione delle patologie croniche spesso associate all’invecchiamento della popolazione europea.

  1. Providing financial support: Fornire supporto economico

Infine “providing financial support” significa incentivare da parte dell’UE la realizzazione di soluzioni innovative presso gli stati membri tramite i fondi dei programmi di ricerca e innovazione a cui possono accedere organizzazioni ed enti di tutti i paesi europei. Questi programmi favoriscono l’assegnazione di risorse utili per la realizzazione di servizi e soluzioni intelligenti realizzate tramite la cooperazione fra organizzazioni dei paesi membri UE. Incrementare e facilitare l’accesso a questi fondi per il sostegno a “Smart Environments” è quindi essenziale.”

Il contributo della dottoressa Sacco per LILT Biella nel contesto della rete tematica SHAFE

Nell’autunno 2018, dopo l’elaborazione dei dati raccolti durante la prima parte dell’anno dal gruppo di ricerca, la dottoressa Sacco contribuirà per LILT Biella alla predisposizione e definizione dello Joint Statement 2018 della rete SHAFE.

2018-08-31T11:14:52+00:00 8 agosto 2018|Categorie: Articoli di interesse, In evidenza|Argomenti: |