Mal di gola.. sarà il reflusso?

//Mal di gola.. sarà il reflusso?
  • Mal di gola reflusso

Mal di gola: il problema potrebbe essere lo stomaco

La faringodinia, ossia il classico dolore in gola, è un disturbo molto comune, e si può manifestare in più patologie con le stesse modalità. La valutazione endoscopica otorinolaringoiatrica sarà in grado di accertare alcune caratteristiche e di indirizzare verso alcuni comportamenti più corretti. Leggi l’articolo del dr. Fabio Bertone.

Mal di gola: hai mai pensato che potrebbe essere il reflusso?

La faringodinia, ossia il classico dolore in gola, associata più o meno a fastidio alla deglutizione, a prurito in gola, ed a sensazione di corpo estraneo, è un disturbo molto comune, e si può manifestare in più patologie con le stesse modalità. Una frequente causa di “nodo alla gola” è l’ormai  noto e molto diffuso reflusso gastroesofageo.

La valutazione endoscopica

Nella maggior parte dei casi la situazione si presenta in questo modo: “Ho un nodo in gola!”, ma inizialmente non ci si preoccupa, pensando che sia solo ansia… Ma il fastidio persiste. Dopo alcuni giorni si iniziano le classiche terapie, cioè per prima cosa il classico anti infiammatorio, ma la situazione non migliora. Forse può essere un’infezione e allora si cerca di guarire con una terapia antibiotica, ma senza successo. Finalmente la soluzione: “il cortisone”. Risultato? Ho assunto un sacco di medicine, ma il nodo alla gola rimane…Il colpevole è il reflusso, che può, quindi, dar origine a una irritazione cronica della laringe con tosse stizzosa, raucedine, bisogno di schiarirsi la gola. La valutazione endoscopica otorinolaringoiatrica sarà in grado di accertare alcune caratteristiche della mucosa laringea tipiche del reflusso gastroesofageo, e di indirizzare verso alcuni comportamenti più corretti, quali una opportuna dieta, ed un adeguato stile di vita, che possono aiutare molto il processo di guarigione.

I cibi da limitare in questi casi

In particolare, per quanto riguarda i cibi, sono assolutamente da limitare i cibi piccanti, il caffè, il cioccolato, alcolici e super-alcolici, pomodori e agrumi, cibi fritti (per la cui digestione occorre normalmente una maggiore quantità di acido cloridrico); viceversa, cibi poco elaborati, bere molta acqua per diluire gli acidi, non fare pasti abbondanti ma più frazionati, al fine di tamponare la secrezione basale di acidi gastrici, mangiare lentamente, fare una corretta attività fisica, ma non troppo intensa in particolare dopo i pasti, non coricarsi prima di due ore dalla fine del pasto, sono tutti fattori che possono aiutare a prevenire la sintomatologia da reflusso gastroesofageo.

Rivolgiti al tuo medico

Per quanto riguarda la cura farmacologica, è bene sottolineare la necessità di rivolgersi al proprio medico od agli specialisti otorinolaringoiatra e gastroenterologo, per stabilire se si tratta di una sintomatologia passeggera, che può essere corretta semplicemente con un migliore stile di vita, o se invece si tratta di una patologia che richiede una cura vera e propria. Tuttavia, il reflusso è solo una delle possibili cause di fastidio in gola, in quanto lo stesso disturbo può originare da un fenomeno infiammatorio, piuttosto che da una neoformazione benigna o maligna a livello della laringe. Proprio per escludere la possibile presenza di neoformazioni laringee, risulta fondamentale una visita otorinolaringoiatrica effettuata con una endoscopia con fibre ottiche, ossia un esame per nulla invasivo, che permette di valutare in pochi secondi lo stato reale della laringe e di tutta l’area faringo laringea. Presso Spazio LILT di recente è stato inaugurato l’ambulatorio di Otorinolaringoiatria, dotato di una colonna endoscopica di ultima generazione con sistema NBI, che risulta essere la strumentazione attualmente più sensibile nell’individuare non solo le neoplasie laringee, ma anche le lesioni precancerose più piccole ed in fase iniziale. Ovviamente la valutazione endoscopica permette anche di valutare tutti gli eventuali segni laringei di reflusso gastroesofageo.

2018-05-01T19:57:55+00:00 2 marzo 2017|Categorie: Articoli di interesse|Argomenti: , , , |

Scarica la guida LILT per il tumore al Cavo Orale

Scarica l'e-book gratuito di LILT Biella
Inserisci i tuoi dati