Buoni propositi per il nuovo anno: fare movimento!

/, News/Buoni propositi per il nuovo anno: fare movimento!
  • Fare movimento: buoi propositi per il 2019

Trasforma un buon proposito in un obiettivo realizzato. Scopri come puoi fare movimento e restare in forma con i consigli di LILT Biella

Eccoci giunti al 2019. Guardiamo il calendario e ci rendiamo conto che non abbiamo mantenuto molti dei buoni propositi che ci eravamo prefissati per l’anno precedente. Eppure, imperterriti, eccoci a riprovarci di nuovo. Ma da che parte cominciare? Come cominciare bene l’anno? E se provassimo a fare movimento?

Per la salute: partire da qualcosa di semplice e andare per gradi

Se diamo uno sguardo alla salute, tutti dovremmo fare qualcosa, partendo da qualcosa di semplice.
Non bisogna mai volare troppo in alto fin da subito perché altrimenti l’impresa sembra troppo difficile e ci si scoraggia.
Quello che serve è programmare delle tappe che siano progressive e accessibili. In termini clinici queste tappe vengono definite “obiettivi minimi di cambiamento”.

Iniziamo con il movimento

Una delle prime cose da modificare, per la maggior parte di noi, è la sedentarietà. Noi Italiani, ma non solo noi, ci muoviamo troppo poco.
L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda 150 minuti a settimana di attività fisica di moderata intensità per l’età adulta e 60 minuti al giorno in età evolutiva.
In pratica sono solo 25 – 30 minuti al giorno. La cosa bella, che rende accessibile a chiunque il fatto di potersi muovere, è che i 25 – 30 minuti giornalieri non è necessario che siano fatti in un’unica sessione. Volendo, possiamo distribuirli in 2 o tre momenti diversi della giornata.

Quando si parla di attività fisica moderata?

L’intensità dipende dal ritmo con il quale l’attività fisica viene svolta. In pratica indica quanto duramente una certa attività viene svolta.
Il grado di intensità varia molto da persona a persona a seconda del livello di attività fisica: camminare a passo svelto, ballare, fare lavori domestici sono alcuni esempi di attività fisica moderata.

 Come si fa a capire se sto facendo attività fisica moderata o intensa?

Il modo più semplice e rapido per capire se l’intensità del movimento che facciamo è moderata è fare riferimento al “talk test”: se mentre corro o faccio ginnastica riesco a parlare senza alternare momenti di fiatone o di silenzio per recuperare fiato, allora rientriamo in questa categoria.
Se, invece, non riusciamo a parlare, allora la nostra attività fisica è definita “intensa”.

Quali sono i benefici dell’attività fisica?

I benefici sono tantissimi. Innanzitutto riduce l’incidenza di ipertensione e aterosclerosi; inoltre, diminuisce le recidive di molte malattie.
Esistono anche programmi di attività motoria per persone che soffrono già di alcune patologie: ne è un eccellente esempio l’Esercizio Fisico Adattato.

E se sono stato sedentario per troppo tempo e non sono abituato a fare attività fisica?

Ovviamente è bene partire con prudenza, cercare di non strafare, ma comunque cercare di “spingersi” un pochino più in là rispetto a ciò che diventa abitudine, per “sentire” un po’ lo sforzo.
Progressivamente si potrà aumentare l’intensità, la durata e la frequenza fino a raggiungere i propri livelli ottimali; infatti, non esiste un livello ottimale che sia generalizzabile. Del resto, anche gli atleti che giocano in squadra hanno preparazioni atletiche differenziate rispetto ai ruoli.

Quando è bene iniziare a fare movimento?

Il movimento fa bene a qualsiasi età. È quindi bene iniziare sin da bambini per instaurare abitudini e comportamenti che potranno essere mantenuti fino alla terza età.