EFA: Esercizio Fisico Adattato 2018-07-05T10:22:13+00:00
  • Esercizio Fisico Adattato - LILT Biella

Esercizio Fisico Adattato

Icona_Esercizio_fisico_adattato
EFA: Esercizio Fisico Adattato

L’Esercizio Fisico Adattato: il nuovo progetto di SPAZIO LILT che promuove una vita in salute e in autonomia per mezzo dell’esercizio-terapia.

Se è vero che il numero delle nuove diagnosi di tumore è cresciuto del 17% negli ultimi 5 anni, è davvero confortante sapere che anche la sopravvivenza è parimenti aumentata: si pensi al tumore alla mammella che, se diagnosticato tempestivamente, raggiunge una sopravvivenza dell’87% a cinque anni dalla diagnosi e al tumore alla prostata che raggiunge ben il 91%.

Quello di cui si parla ancora troppo poco è l’efficacia dell’attività fisica. Innanzitutto nel controllo dei fattori di rischio e quindi nella riduzione della probabilità di ammalarsi di tumore così come di altre patologie croniche, quali le malattie cardiovascolari, il diabete, l’obesità, l’Alzheimer. Inoltre, per chi presenta già dei fattori di rischio o ha avuto una diagnosi di una patologia cronica, essa è fondamentale nella gestione di queste condizioni e per il miglioramento della qualità della vita.

Obiettivi del progetto

L’Esercizio Fisico Adattato (cioè specifico per l’età e le condizioni di salute di ciascuno) favorisce il miglioramento della qualità di vita: l’incremento dell’attività fisica, individualmente dosata e somministrata, facilita l’acquisizione di uno stile di vita più attivo e indipendente. Determina il miglioramento delle capacità fisico-funzionali (in generale e in particolare in ex malati oncologici) quali la capacità aerobica e la forza muscolare (riuscire a fare le attività quotidiane senza stancarsi), la mobilità articolare e la flessibilità (avere maggiore scioltezza in spalle, schiena, ginocchia, ecc) e l’incremento dell’equilibrio soprattutto per soggetti di età superiore ai 65 anni che hanno un aumentato rischio di cadute.

A chi si rivolge?

Il progetto è rivolto a tutte le persone con fattori di rischio (ipertensione arteriosa, sovrappeso, ipercolesterolemia, alterata glicemia a digiuno, dislipidemie, ecc), con una precedente diagnosi di tumore, con una o più patologie croniche (malattie cardiovascolari, diabete, obesità, bronchite cronica, sclerosi multipla, Parkinson, trapiantati di organo solido, ecc).

In cosa consiste?

Dopo una prima visita specialistica e una valutazione funzionale, utili a definire cosa è opportuno proporre in base all’età e alle condizioni di salute e di forma fisica di ciascuno, i partecipanti sono seguiti in un percorso motorio personalizzato della durata minima di 12 settimane, costituito da almeno 2 sedute a settimana della durata di 60’ ognuna.

Le sedute si svolgono all’interno della palestra di Spazio LILT in piccoli gruppi di 4/5 persone e sono supervisionate da un chinesiologo esperto in esercizio fisico per la salute. Ogni 4 mesi si effettua una nuova valutazione funzionale per verificare il raggiungimento degli obiettivi di salute proposti e l’incremento delle abilità motorie.

A seconda dei casi e dei bisogni di ciascuno, viene valutata l’opportunità di un raccordo complementare con la dietologia di LILT Biella. Forti di questo sapere e dei numerosi studi che supportano queste evidenze, LILT Biella, usufruendo della palestra di Spazio LILT e della fondamentale collaborazione del dott. Giuseppe Graziola, Responsabile della Medicina dello Sport dell’ASL BI e del dott. Giuliano Scrivano, Chinesiologo specialista in Esercizio Fisico per le patologie croniche (Esercizio-terapia), ha dato vita al progetto dell’Esercizio Fisico Adattato presso Spazio di Biella.

Partecipa al nuovo progetto “Una camminata di Benessere” – Corso base di Nordic Walking

Le attività dell’Esercizio Fisico Adattato ben si integrano con il nuovo progetto “Una camminata di Benessere” che nasce dalla collaborazione di LILT Biella con Arturo Ramella, istruttore della Scuola Italiana di Nordic Walking.

Si tratta di un corso di camminata nordica in 3 lezioni presso Spazio LILT e successivi 5 appuntamenti itineranti.

Scoprilo subito!

Partecipa a un progetto pilota!

Vuoi partecipare a un progetto pilota e beneficiare gratuitamente di un check-up completo, di un percorso di esercizio fisico adattato e di maggiori conoscenze sulla gestione della tua salute? Scopri la nostra Ricerca EFA!

Modalità di accesso

Le visite sono su appuntamento. Puoi prenotare la tua visita compilando il form 24h su 24 oppure telefonando a LILT Biella al numero 0158352111 dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 12:30 e dalle 15:00 alle 18:00.

Medici Responsabili del Progetto Esercizio Fisico Adattato di SPAZIO LILT:

Dott. Giuliano Scrivano
Dott. Giuliano Scrivano
Dott. Giuseppe Graziola
Dott. Giuseppe Graziola
Dott.ssa Chiara Cossa
Dott.ssa Chiara Cossa

PRENOTA UNA VISITA





Inserisci i tuoi dati
Scegli la visita

Dott. Giuseppe Graziola
Specialista in Medicina dello Sport e Responsabile Medicina dello Sport ASL BI

1. Esercizio Fisico Adattato: Quali sono le valutazioni preliminari per accedere al nuovo servizio proposto da LILT Biella?

Innanzitutto, la valutazione anamnestica della storia clinica, abbinata alla compilazione di un questionario specifico sulla consuetudine nel praticare attività fisica da parte del paziente che intende svolgere un periodo di esercizio fisico adattato. Secondariamente la valutazione funzionale del soggetto attraverso un test da sforzo con la misurazione del consumo di ossigeno e la valutazione dell’elettrocardiogramma e del grado di adattamento allo sforzo. Infine, l’esecuzione di alcuni test di forza, elasticità ed equilibrio. Di seguito, tutti i parametri saranno utilizzati per l’impostazione di un programma di esercizio personalizzato e sostenibile dal paziente e ci forniranno gli strumenti indispensabili per la valutazione del miglioramento di tutte queste funzioni, alla fine del periodo di tre mesi.

2. Il nostro territorio biellese, con la sua popolazione, quali benefici può trarre da questa opportunità?

L’opportunità è quella di avere un luogo e uno spazio a disposizione in primis dei malati oncologici, e comunque di tutti i soggetti affetti da patologie croniche esercizio-sensibili (diabete, obesità, malattie cardiovascolari, osteoporosi…). Un luogo in cui svolgere programmi individualizzati di esercizio fisico adattato, gestiti da personale qualificato e specializzato ed impostati secondo le più moderne evidenze della letteratura medico-scientifica sull’argomento.

Intervista al dottor Giuliano Scrivano

Dr. Giuliano Scrivano
Chinesiologo specialista in Esercizio-terapia

1. Lei è un chinesiologo con una specializzazione in Esercizio Fisico per le patologie croniche: quando è bene pensare di fare Esercizio Fisico Adattato e quando, invece, è possibile fare riferimento ad una semplice palestra? Quali sono le attività svolte da un chinesiologo in un progetto come questo?

L’uomo è stato creato per muoversi e quando non lo fa a sufficienza ci perde in salute. L’esercizio fisico dovrebbe sempre essere adattato, al di là del luogo in cui lo si pratica, perché non esistono due esseri umani uguali tra di loro e quindi non possono esistere programmi motori uguali per tutti. A maggior ragione se in presenza di una patologia cronica! In estrema sintesi, il chinesiologo valuta, progetta e conduce programmi motori individualizzati, proprio come fa un sarto quando deve cucire un abito su misura…

2. Per Biella è una realtà ed un’esperienza davvero innovativa quella dell’Esercizio Fisico Adattato; ma qual è la situazione in Italia?

Il nostro Paese sta finalmente prendendo coscienza che l’attività fisica, scientificamente dosata e somministrata, può essere una vera medicina preventiva e curativa. Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Lombardia, Umbria e Sicilia sono le regioni in cui esistono delle esperienze maggiormente consolidate. Speriamo che anche il Piemonte, grazie all’esperienza biellese e non solo, possa al più presto essere annoverato tra le regioni più all’avanguardia nell’utilizzo dell’esercizio fisico come vera e propria terapia.

3. Quali sono i miglioramenti che, nella sua esperienza, ritiene abbiano fatto la differenza per alcune delle persone trattate? Si ricorda un caso che l’abbia colpita in modo particolare per la differenza tra il prima ed il dopo?

Spesso ho incontrato persone che vivevano il proprio corpo come un peso e non come una risorsa. Ma il corpo è la nostra casa in questo mondo e quindi è indispensabile prendercene cura! Quindi, il solo fatto di ritrovare un’armonia con la propria corporeità è già un grande risultato in termini di qualità di vita. Tra i vari casi, ricordo quelli di persone che prima erano limitati in semplici attività come le faccende domestiche e il vestirsi, e dopo hanno recuperato queste e altre funzioni migliorando il proprio benessere non solo fisico, ma anche psicologico e sociale.

Gallery del Progetto Esercizio Fisico Adattato